Ragazzi Perduti

Lucy, dopo aver divorziato, giunge con i figli Michael e Sam (un tredicenne) a Santa Carla, per installarsi nella casa di papà, un vecchio bizzarro. Michael, andando una sera in discoteca, ha la disgrazia di innamorarsi di Star, una bella brunetta, che è la ragazza di David, il capo dei metallari della cittadina, il quale capeggia una banda dedita a folli corse notturne in moto e a reati vari: David prende in simpatia il giovanotto, lo plagia con chiacchiere e strani riti fino a fargli bere del sangue. In realtà, si tratta di un gruppo di vampiri, sempre in cerca di vittime e di adepti. Michael avverte tante stranezze, ha isioni e sogni spaventosi, a cui invano tenta di resistere. Intanto il fratello Sam, messo sull’avviso da due simpatici coetanei del posto (sono i fratelli Ranocchi, gran lettori di giornaletti vampireschi) combina qualche guaio in casa (dove Lucy ha invitato a cena il signor Max, un rispettabile droghiere, nella speranza di legarlo a sè e a cui il ragazzino propina con il parmigiano una robusta dose di aglio); poi con i due amici armatosi di pioli appuntiti e di acqua benedetta, penetra nella caverna, dove i motociclisti neri dormono appesi per i piedi al soffitto come i pipistrelli. Per vendicarsi costoro effettuano un terribile attacco alla casa, dove Michael – ora trasformatosi in vampiro – si rifugia tremante dietro alle spalle dell’amata, sua ultima difesa, che è decisa a salvarlo, mentre gli altri distruggono tutto. Nel frattempo arriva il signor Max, in compagnia di Lucy, ma ecco che anche le fattezze di costui diventano orripilanti, gli occhi iniettati di sangue e quattro canini aguzzi come pugnali. I fratelli Ranocchi l’avevano sempre detto che il capo-vampiro era proprio lui. Mentre Lucy vede sfumare un possibile matrimonio, arriva il nonno a grande velocità a bordo della sua auto che, lanciata contro una palizzata di pali acuminati, infilza Max: il che segna la fine dei malvagi e il ritorno della tranquillità.

Aquamarine

Due grandi amiche, Hailey e Claire, stanno attraversando un momento un pò triste della loro lunga amicizia, infatti, stanno per passare la loro ultima estate insieme in quanto Claire cambierà città con la sua famiglia. Durante l’estate, dopo una violenta tempesta, la piscina del Capri Beach Club, che loro frequentano, si riempie di numerose specie marine, tra cui una sirena, Aquamarine, che s’innamora di un ragazzo che lavora per il club. Le due amiche vorrebbero aiutarla a tornare sul mare, ma Aquamarine non ne vuole sapere finché non riuscirà ad uscire col ragazzo di cui si é invaghita…

Lezioni di cioccolato

Un concorso per inventare un nuovo cioccolatino e’ l’unica occasione che Mattia, geometra in carriera, ha per evitare di essere denunciato dal suo operaio ’in nero’ Kamal: l’egiziano, infatti, fratturatosi in un cantiere a causa delle condizioni di scarsa sicurezza, costringe il suo datore di lavoro a sostituirlo ad un corso di pasticceria che prevede, per il migliore, l’ottenimento di una somma di denaro sufficiente a mettersi in proprio… A Mattia non resta che camuffarsi da immigrato musulmano: tra ricette, preventivi ed equivoci, Mattia si lascera’ sedurre dal cioccolato e…dall’amore.

Nave Fantasma

L’Antonia Graza è una lussuosa nave  da crociera italiana sparita nel nulla nel 1962 con tutti i passeggeri e il personale di bordo. Un mistero che nessuno è ancora riuscito a svelare fino al giorno in cui non compare sul radar di un rimorchiatore nel mare di Bering.
Accostato dal rimorchiatore manovrato da una squadra di recupero marittimo assoldata da uno sconosciuto per rintracciarlo, il transatlantico si rivela essere una immensa fonte di guadagni. I sei marinai specializzati vi si catapultano nel cuore della notte e sotto una scrosciante pioggia visitano l’interno di quel colosso arrugginito, scoprendo inaspettate ricchezze.
L’umida atmosfera della nave non nasconde i suoi misteri ma al contrario li esalta provocando nel gruppo alcuni grossi spaventi non spingendoli però ad un qualsiasi ripensamento.
Porte che si aprono e si chiudono da sole, sigarette ancora accese nei porta-ceneri e bicchieri di whisky pronti ad essere sorseggiati. Donne seducenti che baciano e promettono notti di fuoco, bambine che raccontano cosa è accaduto.
Tra cadaveri del passato e quelli del presente l’atmosfera si fa lorda di sangue fino ad arrivare all’atteso finale.
ecc..

Via col vento

Un’egocentrica fanciulla del Sud sopravvive alla guerra di Secessione e a due mariti, ma perde il solo uomo di cui era innamorata. Deve rimandare al domani il proposito di riconquistarlo.

l film-fiume più famoso della storia del cinema, campione assoluto d’incassi in dollari fino agli anni ’70 (ma rimesso poi al 1° posto della classifica per numero di spettatori paganti), girato in Technicolor, melodramma e affresco insieme. Assolutamente da vedere.

Il mattino ha l’oro in bocca

Firenze, primi anni Settanta. Marco (Elio Germano), un giovane come tanti che vive ancora in famiglia. Marco ha una fidanzata, Cristina (Martina Stella), e non sa bene cosa fare della sua vita. Ha una sola certezza: la passione per la musica. Inizia a fare il deejay in una discoteca dove viene notato da Aniello Apicello (Antonio Buonomo), direttore di una nascente radio privata, che gli affida un programma del mattino. Grazie a una buona dose di fortuna, il suo programma decolla. Il successo non toglie però a Marco quel senso di inquietudine che lo accompagna. Gli manca l’emozione vera che giungerà un bel giorno con la sua entrata in una sala corse. Da quel momento la vita di Marco cambia. Dopo una prima esaltante vincita di seicentomila lire, la sua carriera di scommettitore segue il percorso comune ai più. Alti e bassi, ma soprattutto bassi. Marco inizia a perdere più soldi di quei pochi che ha. Sorprendentemente, però, le cose sul lavoro iniziano ad andare sempre meglio. Aniello gli aumenta lo stipendio ma lo inizia anche al poker, e non basta neanche il doppio lavoro di deejay in discoteca a coprire i debiti che inizia ad accumulare. Ancora una volta la fortuna lo aiuta: viene notato da Cecchetto (Dario Vergassola e chiamato a Milano per un provino a Radio Deejay. Il gioco sembra dimenticato, buttato dietro le spalle. Le prime trasmissioni di prova non vanno bene, gli manca il ritmo giusto. Non sa che fare. Tutto solo, in una città enorme e con la paura di dover tornare alla vita di prima, si ritrova dopo un vagabondare davanti ad una sala corse. Entra e la vita, come d’incanto, torna ad essere elettrizzante. Anche il lavoro sembra andare a gonfie vele: è finalmente pronto per la sua prima vera trasmissione radiofonica. Arriva il successo tanto desiderato e contemporaneamente le prime batoste al gioco. In poco tempo la sala ippica diventa la sua seconda casa, e quei pittoreschi personaggi che la popolano, la sua famiglia. Nemmeno la relazione con Cristiana, la graziosa cassiera della sala corse (Laura Chiatti) sembra farlo desistere dalla sua insana passione. In radio Cecchetto gli affianca Fiorello (Corrado Fortuna) e con la trasmissione radio Deejay i due decollano. Purtroppo anche i debiti…