Archivi tag: 2005

The Exorcism Of Emily Rose

Emily Rose appartiene ad una famiglia fortemente cattolica che vive nelle campagne Statunitensi. La prima sequenza del film ci palesa la morte della ragazza, avvenuta in circostanze atroci, date le condizioni strazianti del corpo. Viene accusato dell’omicidio il suo parroco, colpevole di averle fatto sospendere le cure mediche per curare una rara forma di “epilessia psicotica”, diagnosticata alla ragazza, a favore di una ipotesi più mistica: la ragazza sarebbe stata posseduta da sei demoni…

The Ice Harvest

Charlie Arglist, avvocato di Wichita in Kansas, è specializzato nel business mafioso. Lui e il suo socio Vic Cavanaugh hanno appena sottratto 2 milioni di dollari al boss Bill Guerrard. È la vigilia di Natale e i due hanno finalmente qualcosa da festeggiare. In particolare Charlie è al settimo cielo perché conta di fuggire con la bella Renata, che gestisce il club di striptease Sweet Cage. Ma all’alba, causa un’improvvisa tempesta di neve che blocca le strade, Charlie deve rivedere i suoi piani…

The Man – La talpa

Andy Fiddler è un rappresentante entusiasta di forniture per dentisti in viaggio di lavoro a Detroit, Derrick Vann un agente federale poco ortodosso a caccia dei killer che hanno assassinato il suo collega. Nella città delle macchine l’improbabile diventa plausibile quando Derrick incontra Andy, finendo invischiato in un traffico di armi rubate. Scambiato per “la talpa” al posto di Derrick, agente sottocopertura, Andy farà qualcosa di più di un intervento a un congresso per dentisti, diventando suo malgrado partner di Derrick, infiltrandosi in traffici illeciti e sgominando la pericolosa gang con la sua implacabile logorrea. Diversa per mestiere e carattere, la coppia Fiddler/Vann troverà nella famiglia e nella giustizia una curiosa e appassionata affinità.
Il film è costruito intorno al talento comico dei due interpreti, Samuel L. Jackson e Eugene Levy, che lavorano in direzioni opposte: in sottrazione l’uno e in addizione, soprattutto verbale, l’altro. Vagamente ispirato al sicario predicatore di Pulp Fiction, Jackson presta questa volta la sua maschera alla legge. Il suo agente federale, di poca parola e media azione, mutua dal Jules di Tarantino la sarcastica efficienza e l’esercizio sciroccato della violenza. Levy, padre espansivo dei figlioli di American Pie uno, due e tre, rianima la remissività del suo personaggio con una performance verbosa ed esilarante che raggiunge il parossismo in un’orgia di gesti e parole. Dopo la coppia francese Claver e Villeret, “antidoto” alle freddure cinematografiche estive, l’America rilancia con Jackson e Levy puntando sugli attori, sui quali il pareggio è assicurato. Ma gli sceneggiatori francesi almeno questa volta vincono ai rigori.

La marcia dei pinguini

Il pinguino imperatore, mosso dall’istinto della riproduzione, si incontra con i suoi simili ogni anno nello stesso giorno e nello stesso luogo; il suo è un vero e proprio ‘appuntamento con l’amore’: è lì che, lanciando canti di seduzione, sceglie quello che sarà il suo partner per tutto l’anno, l’esemplare di pinguino con cui (quella stessa notte) avere un figlio. La mattina seguente la femmina si allontana, attraversando il lunghissimo e pericoloso percorso verso l’oceano (da dove, se sopravvive, mangerà il necessario per nutrire il suo cucciolo), mentre il maschio rimane a covare l’uovo, in attesa del ritorno della compagna.